TUTTI %

inizierò scrivendo quello che davvero mi passa per la testa.

forse non l’ ho mai fatto, sicuramente non negli ultimi dieci anni, dalla lettera al fidanzatino…che poi anche lì, chissà se davvero tutto era vero. ora però lo farò, scriverò tutto, tutto quello che persino ho paura di pensare. Forse il mio problema è proprio questo. ho paura di essere me stessa, me stessa al 100 % e probabilmente non lo sono neanche con me stessa.  probabilmente nessuno lo è.

nessuno ammette di essere una merda. siamo tutti delle merde. tutti sbagliamo, tutti feriamo, tutti siamo egoisti.

Annunci

“Le faremo sapere”

Ennesimo colloquio con esito negativo.

Ormai non ci credo più,

non voglio saperne più ma non posso.

Mi rimbocco le maniche,

metto il vecchio sogno nel cassetto,

ne tiro fuori uno nuovo, per inerzia, per necessità.

 

Ritornare

Tutto quello che avevo intorno mi sembrava diverso, inutile.
Ero in una giravolta di pensieri, emozioni contrastanti, fitte allo stomaco che nascevano dal petto.
Riuscì a muovermi dalla porta di entrata solo quando arrivai alla consapevolezza che tutto era lì dove lo avevo lasciato, dal limone ammuffito in frigo alle ciabatte lasciate sparse nel corridoio, l’unica a esser effettivamente cambiata ero io.
Aprii la porta della camera da letto, accesi la luce, il mio pigiama era lì sul letto ed il posacenere con una sigaretta spenta, l’odore era sparso nella stanza. Tutto era immutato, compresa la puzza di sigaretta, tutto uguale a quella sera prima della partenza, tutto tranne io.

Il suo Amore incondizionato

Ti sei presa cura di me,

rinunciando alla tua spensieratezza  per la mia felicità.

Un giorno la tua metà volò via, lasciandoti sola, era tuo diritto piangere e maledire questo mondo.

Invece tu, con il tuo immenso amore, pensavi solo a far sorridere me.

Sei sempre stata forte, a volte anche troppo, i tuoi occhi però hanno sempre brillato d’amore e d’ una fragilità nascosta.

Ora tocca a me, mi prenderò cura di te per il resto della vita,

sarai per sempre la mia priorità, M.